itticosostenibile

TRANCIO DI LECCIA ALLA MEDITERRANEA

Portata: secondo

Difficoltà: facile

Tempo preparazione: 5 minuti

Tempo cottura: 15 minuti 

Dosi: 1 persona 

Costo: medio

Presentazione

La ricetta del pesce alla mediterranea è famosa e declinata in mille maniere a seconda della regione di appartenenza e molte sono le specie utilizzabili. Noi proponiamo questa versione per esaltare la carne di un trancio di leccia (Lichia amia) del peso di 22kg, che qualche giorno fa è capitata sul nostro banco. Questa preparazione ci dà l’opportunità di acquistare in tranci un esemplare di grosse dimensioni, che ha raggiunto e superato la taglia di prima riproduzione, dando il nostro contributo alla salvaguardia degli stock ittici selvatici.

Ingredienti

Per 1 persona

Trancio di leccia: o altro pesce di grande taglia (300g)

Pomodorini: una manciata

Farina: qb

Olive taggiasche: o quelle che preferite

Aromi: basilico, prezzemolo, e/o quello che offre il giardino

Limone non trattato: un po’ di scorza grattuggiata

Olio EVO: qb 

Sale, pepe: q.b.

Preparazione

Tagliate i pomodorini, grattuggiate la scorza di limone e scolate le olive. Mondate e asciugate le erbe aromatiche che preferite; noi proponiamo gli intramontabili basilico e alloro. Infarinate ambo i lati del trancio di pesce che, per una buona riuscita, non deve essere ne troppo sottile ne troppo spesso, diciamo che 2cm andranno benone; ad ogni modo se ci venite a trovare in pescheria vi prepareremo noi il giusto taglio! Appoggiate il trancio in padella avendo scaldato un filo abbondante di olio EVO.

Lasciate soffriggere da un lato per un minuto a fuoco lento e nel frattempo aggiungete i pomodori, le olive, le erbe, la scorza di limone e un filo d’olio ancora. Coprite e lasciate cucinare a fuoco basso per il tempo necessario, controllando che non si asciughi il liquido di cottura (i pomodori rilasceranno un po’ di acqua e questo andrà a costituire un ottimo guazzetto). Se necessario bagnate con un goccio di acqua. Accompagnate con un bicchiere di Cardonnay fresco e sentirete che sinfonia. 

Consiglio

Provate questa ricetta con un’altra specie ancora non molto conosciuta nelle nostre zone, il pesce serra (Pomatomus saltatrix), da noi in pescheria lo troverete di certo.

Questo sito utilizza i cookie per offrire una migliore esperienza sul sito, fornire le funzioni dei social media e per l'analisi statistica del traffico web. Proseguendo la navigazione, cliccando su un punto qualsiasi della pagina, effettuando un'azione di scroll o chiudendo questo banner l'utente presterà il consenso all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni consulta la Cookie Policy. Per maggiori informazioni consulta la Cookie Policy.

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi